Periodo di particolare fermento alla Biblioteca del Centro Caprense Ignazio Cerio tra nuove acquisizioni, visite guidate nel patrimonio bibliografico e preziose collaborazioni. Due importanti fondi, il Fondo Laura Lilli e il Fondo Beatrice Aprea, sono stati acquisiti di recente. La biblioteca di Laura Lilli (1937-2014) scrittrice, giornalista, femminista militante e caprese d’adozione così come suo padre Virgilio Lilli, e di suo marito Ugo Baduel, giornalista dell’Unità, è andata in eredità alla Unione Donne Italiane di Bologna, che ha inteso selezionare i volumi ‘caprensi’ e proporli alla comunità isolana. Il Fondo Beatrice Aprea, invece conserva un cospicuo numero di volumi e documenti appartenuti al famoso pittore James Talmage White, a suo figlio Alberto e al nipote Giacomo; sarà estremamente interessante, una volta completata la catalogazione di volumi e documenti, usare questi documenti per ricostruire il puzzle della storia degli artisti stranieri arrivati sull’isola e fermativisi per la vita.

Anche i partecipanti al PON di giornalismo, accompagnati da Mariano della Corte, hanno potuto approfondire la propria conoscenza di questi personaggi e dell’ambiente dell’epoca, oltre a visitare la biblioteca con le sue peculiarità. Ultimo – ma non per importanza – il lavoro effettuato dalle due studentesse liceali nell’ambito del progetto ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: Dopo aver apprezzato libri antichi, documenti preziosi e fotografie uniche, hanno potuto collaborare sperimentando sul campo la ricerca con i cataloghi online, i servizi offerti dalle biblioteche, la conservazione e la valorizzazione delle collezioni.